Massimo Padelli - Fotografo

 La passione per la fotografia è iniziata nel 1972, quando, dopo aver letteralmente divorato decine di riviste fotografiche prestate da un amico appassionato, riuscii ad acquistare la mia prima reflex.
Quando nel 1975 ad Arezzo si formò un nuovo circolo, il Gruppo Fotografico “La Pieve”, trovai
l’occasione per iniziare un nuovo percorso con altri amici fotoamatori.
Dallo stesso anno iniziai a partecipare ai concorsi fotografici patrocinati dalla F.I.A.F., dalla F.I.A.P. e dalla P.S.A. ottenendo numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero, raggiungendo nel 1982 la meta che mi ero prefissato: l’onorificenza di A.F.I.A.P.
La scoperta della fotografia sul territorio avvenne in occasione della preparazione della mia tesi di laurea in sociologia, tramite la quale mi inserii in un contesto di ricerca sulla scomparsa della Cultura Rurale nell’Appennino Centrale. Quando tempo dopo ripercorrendo le strade del Monterchiese, oggetto della mia rilevazione fotografica ebbi modo di notare che le strutture che avevo fotografato, dai forni di campagna, alla bottega del fabbro, alle coloniche già in via di abbandono erano scomparse, sostituite da capannoni artigianali e moderne abitazioni, mi resi pienamente conto del valore della fotografia come documento.
Approfondendo il tema arrivai a leggere i saggi e vedere le immagini dei fotografi del “Nuovo Paesaggio Americano”, in modo particolare gli scritti e le immagini di Robert Adams che mi fecero capire come la fotografia di documentazione possa essere allo stesso tempo creativa ed espressiva.

Iniziai a fotografare con metodo il monte de la Verna, luogo a me familiare e ricco di ricordi, cercando di mostrarne i vari aspetti attraverso il mio linguaggio.
La ricerca durò circa tre anni e circa 80 immagini selezionate andarono a formare il lavoro:
“La Verna: un luogo che non cambia”, che è stato oggetto di alcune mostre: presso il “Caffè dei Costanti” ad Arezzo nei primi anni ’90, presso il Castello di Valenzano nel 1999 organizzata dalla facoltà di Architettura dell’Università di Firenze e, più recentemente, 12 immagini della serie sono state esposte nella collettiva “Frank Dituri & Friends” 2011 presso la “Mutsu Gallery” e la “Artspace-Eumeria” di Tokyo.

“Minimalia”, esposta in una personale allo Scacco Matto Cafè di Palermo nel 2006 (Catalogo Edizioni Gente di Fotografia) fu la prima presentazione del lavoro omonimo tutt’ora in progress riproposta poi in una piccola mostra presso Foto Moderna di Siena nel maggio 2013.

“Fuori luogo”, un lavoro sul paesaggio urbano ed extraurbano dove sono presenti i segni dell’uomo a creare contrasti e relazioni, ottenne il 2° premio Ex-Aequo di “Crediamo ai tuoi occhi” 2009 Presso il “Centro Italiano della Fotografia d’autore” di Bibbiena (AR).
Anche questa ricerca continua tutt’oggi.

Accanto a questi lavori che rappresentano maggiormente il mio modo di continuare a fotografare, a volte produco delle serie coerenti, con un numero molto limitato di immagini:

“Cibo”, una piccola serie di “Still Life” selezionato al premio “Gente di Fotografia” nel 2004

“Onirico”, una serie basata sulle esposizioni multiple in fase di ripresa che è stata esposta in una personale a Palermo, presso la Galleria 43 – Lanterna Magica nel 2007 (Catalogo Edizioni Lanterna Magica), ed in una mostra collettiva presso la galleria d’Arte Contemporanea “Villicana D’Annibale ad Arezzo.
Oltre alle annuali collettive di “Itinerari” con gli amici del Gruppo Fotografico “La Pieve”, manifestazione che sta raggiungendo i trent’anni di vita, tra le altre mostre:

“Riappropriarsi dell’estetica”, una serie antologica inserita della mostra “La fotografia fine-art, elogio della forma”, esposta presso il Museo Archeologico di Arezzo, nell’ambito di Arezzo & Fotografia 2010

“Argento Vivo” presso la galleria “Furio Del Furia” di Foiano della Chiana (AR) una mostra antologica a quattro mani assieme all’amico Giuseppe Faralli nell’aprile 2012, il cui titolo sottintende la nostra convinzione sulla validità della fotografia analogica in epoca di predominio assoluto del digitale.

La passione per la fotografia, per me è passione a tutto tondo. Mi piace leggere saggistica di fotografia e di arte in generale, guardare libri d’immagine, ammirando lavori puramente da osservatore, che non hanno nulla a che vedere con il mio modo di fotografare, così come cercare conferme con autori famosi che sento vicini al mio modo di guardare.
Mi piace molto anche cercare sia di divulgare che di arricchire la mia esperienza attraverso momenti di confronto, al mio Circolo ogni settimana, attraverso serate presso altri circoli fotografici e con ogni occasione di contatto con altri autori.
Tra questi scambi voglio ricordare la lettura di portfoli nell’ambito di “Arezzo & Fotografia” nelle edizioni 2010 e 2011, e, ancora nel 2011, assieme all’amico Giuseppe Faralli il corso di fotografia che abbiamo tenuto per i soci del Fotoclub “Furio Del Furia”di Foiano della Chiana (AR).

La tecnica:

Per i miei lavori utilizzo esclusivamente il procedimento analogico in bianconero nei formati 24×36 e negli ultimi anni esclusivamente 6×6.
Curo personalmente tutto il processo fotografico dallo scatto, allo sviluppo negativo, alla stampa su carta baritata, ai viraggi e trattamenti conservativi delle immagini.

Continuando la navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informativa Cookie Estesa Utilizzo dei cookie Conformemente agli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base al provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014, recante “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” (di seguito, il “Provvedimento cookie“), Galleria 13 - arte moderna e contemporanea di Sara Cavagnari, società titolare del trattamento, con sede legale in Via Roma 34/b, Reggio Emilia, intende informare l’utente del sito www.galleria13.com (da ora Sito) di quanto segue: Cosa sono i cookie Un cookie è una piccolo file di testo, che viene inviato al browser dell’utente da un server web (il computer sul quale è in esecuzione il sito visitato) e che viene successivamente memorizzato nelle directory utilizzate dal browser (il programma usato per la navigazione ad es. Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.). Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti. Tipologie di cookie utilizzate da questo sito Il Sito utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Allo scopo vengono utilizzati cookie solo rendere più efficace la navigazione del sito web, per abilitare determinate funzionalità e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite. Non vengono utilizzati cookie profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione. Cookie del gestore del Sito Cookie tecnici Il Sito utilizza esclusivamente Cookie Tecnici di navigazione o sessione, finalizzati a rendere funzionale e ad ottimizzare la navigazione stessa per quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato. In assenza di tali cookie, il sito web non potrebbe funzionare correttamente. Cookie tecnico che agevola la navigazione del fruitore, riconoscendolo ed evitando che l’informativa breve sui cookie contenuta nel banner ricompaia nel caso di collegamenti al sito effettuati entro un predeterminato termine di scadenza. Esso si attiva cliccando “ok” sul banner. Come indicato dal Garante Privacy con i “Chiarimenti in merito all’attuazione della normativa in materia di cookie” del 5 Giugno 2015, i siti che utilizzano, per meri fini statistici, cookie analitici realizzati e messi a disposizione da terze parti non sono soggetti agli obblighi e agli adempimenti previsti dalla normativa (ad es. notificazione al Garante) qualora vengano adottati strumenti idonei a ridurre il potere identificativo dei cookie analitici che utilizzano e purché l’impiego di tali cookie sia subordinato a vincoli contrattuali tra siti e terze parti, nei quali si faccia espressamente richiamo all’impegno della terza parte o a utilizzarli esclusivamente per la fornitura del servizio, a conservarli separatamente e a non “arricchirli” o a non “incrociarli” con altre informazioni di cui esse dispongano. Conferimento dei dati Fatta eccezione per i cookie tecnici necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner. Diritti dell’interessato L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail all’indirizzo info@galleria13.com, i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente. Art. 7 D. Lgs. 196/2003 1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione: a) dell’origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3. L’interessato ha diritto di ottenere: a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Chiudi