Massimo Pedrazzi - Fotografo

Massimo Pedrazzi

12347800_1038160286236745_6916033257167527583_n

 

“Ricercare gli eventi che nel corso della vita ti portano ad essere un uomo piuttosto che un altro è un esercizio utile ed interessante.

Ho iniziato relativamente tardi ad accorgermi di me e di ciò che desideravo essere.

Ero già sposato, la mia prima figlia già nata e varie esperienze lavorative alle spalle, nessuna delle quali veramente utile alla mia realizzazione.

Una sempre crescente insoddisfazione mi ha spinto a dare maggiore spazio alla mia vera passione e a seguire le cosiddette correnti contrarie, quelle poco frequentate, a causa delle incertezze che le contraddistinguono.

Sospinto da una calibrata autostima ed ostinato come il bambino che vuole ad ogni costo realizzare il suo sogno, ho capito che non avevo dubbi: nella mia misera ma al contempo preziosa vita io volevo dipingere.

Ad onore del vero non si è trattato di volontà, ma piuttosto di un rapimento.

Abbandonarsi alla propria vocazione significa accogliere (o perseguire) il desiderio, un’idea, un’emozione pervadente e dominante, che si mette ai posti di comando del proprio essere e che ti fa immediatamente mancare l’aria alla minima fuoriuscita dai binari.”  

Massimo Pedrazzi

Biografia

Massimo Pedrazzi, nato a Formigine nel 1959, attualmente vive e lavora a Solignano di Castelvetro.

Nel corso degli anni si è cimentato in diversi lavori, dall’agente di commercio all’impiegato nel settore grafico, per poi dedicarsi unicamente, ad inizio anni ’90, alla sua vera vocazione, la pittura, sperimentando ogni tipo di tecnica e linguaggio.

Autodidatta e guidato dalla sua grande passione per l’arte, Pedrazzi fa propria una tecnica d’altri tempi, unicamente eseguita ad olio su tavola o tela, fatta di delicate velature e calibrati tocchi di colore che strato dopo strato, con lunghi tempi lasciati all’asciugatura, fanno emergere l’opera pittorica.

Pedrazzi indaga la figura umana, rappresentata da enigmatici e affascinanti personaggi, in perenne contrapposizione a un paesaggio naturale cinquecentesco. In alcune opere è il paesaggio stesso a diventare protagonista del quadro, talvolta animato da funamboli o simboliche apparizioni; in altre viene presentata la figura umana scevra da qualunque contesto e proprio per questo così potente nella sua immediatezza.

Con uno sguardo attento ai grandi maestri del passato come Leonardo, Perugino e Van Eyck, Massimo Pedrazzi trova grande affinità di pensiero e atmosfere nel lavoro di altri artisti suoi contemporanei, tra cui il norvegese Odd Nerdrum e l’americano Aron Wiesenfeld.

Diverse le mostre personali e collaborazioni con gallerie d’arte in Italia e all’estero.

 

Stefano Gualdi

Testo critico

Più di un quarto di secolo è trascorso dalla pubblicazione a New York, per cura della MacMillan, del famoso libro di Harvey Cox, La città secolare, (trad. it., Firenze, 1968). In quel volume, che tanto fece discutere, l’autore sosteneva che l’era della città secolare si prospettava come un’era «assolutamente priva di religione» e che la secolarizzazione sarebbe stata «la liberazione dell’uomo dalla tutela religiosa e metafisica». Oggi sappiamo con assoluta certezza che le tesi raccolte in quel libro non hanno alcun fondamento. La civiltà occidentale contemporanea, nonostante le molte”certezze” raggiunte sia in campo scientifico che in campo economico, non ha affatto perso il suo interesse per la religione e la spiritualità, per cui ad una vita “mondana”, la cui complessità aumenta di giorno in giorno con ritmo apparentemente inarrestabile, sempre più gente vi contrappone un’intensa vita “interiore” orientata su valori quali amore per la natura, fede e autenticità. Con Massimo Pedrazzi (Formigine ‘59) una potente carica di energia morale non risolta nell’esperienza espressionista e nel cosiddetto realismo sociale e nemmeno utilizzata, come nel caso dell’Arte Povera e di Fluxus, nell’ambizione di realizzare un ideale utopico di riforma sociale, trova il suo naturale, per non dire unico possibile, campo d’azione nell’aderenza con i luoghi più reconditi e inarrivabili dell’anima; e ve lo trova in forma ammirevole, poiché le facoltà inconsce di questa, riconosciute da sempre causa di ciascuna attività spirituale, possono rappresentare un efficace strumento della conoscenza per afferrare il senso non svelato della natura. La pittura di questo artista, da un punto di vista formale, ricorda gli esiti di taluni protagonisti del Romanticismo e del Simbolismo. Ma se per Boecklin, in accordo con la musica di Wagner, l’uomo era il principale responsabile della fine, causa il suo smisurato orgoglio, dell’incontaminato regno della natura. L’essere di Pedrazzi è, al contrario, completamente integrato in essa e come i progenitori nell’Eden opera e agisce su due differenti livelli, si relaziona ad una forza superiore ordinatrice e nel contempo ricerca per proprio conto i segreti del processo di trasmutazione della materia. Per rendersene conto si osservi l’ultimo ciclo di opere presentato in anteprima presso il “Castello del Vescovo” -prodotto dall’artista formiginese. Citerò tre esempi, Il primo quadro raffigura un burattino di legno nelle braccia di un giovane dai capelli gonfi a forma di cornucopia, recante la verga e la sfera. Il richiamo a Pinocchio è esplicito, come pure l’allusione al processo di elevazione spirituale del soggetto. Il secondo pezzo mostra una valle, ripresa con prospettiva aerea, dove una gigantesca sfera trasparente è adagiata sopra sette colline ed altrettanti fiumi; due edifici a cupola con statue all’esterno ne controllano l’accesso. Si tratta di una delle tante iconografie del Paradiso, Il richiamo dunque è per un’esistenza spesa in funzione della “Città di Dio”. La terza ed ultima immagine ci mostra un gruppo di persone ripreso frontalmente, tutte quante hanno la medesima espressione rassegnata e allo stesso tempo dignitosa, come quella, tanto per fare un esempio, dei deportati nei campi di sterminio. La volontà qui è quella di ricordare il genocidio di un popolo di stirpe ebraica vissuto ai confini tra la Polonia e la Russia, la cui unica colpa, a detta dei nazisti che lo annientarono, era quella di avere troppa fede nei libri e nella cultura. Ecco dunque una prima chiave di lettura per valutare gli ultimi lavori di Massimo Pedrazzi. Si tratta di una pittura colta, spesso ispirata a dei testi letterari, che fa riferimento a significati “oltremondani”, ossia religiosi, mistici e cabalistici. L’altro codice di accesso può essere il particolare modello di racconto, legato ad una certa pittura figurativa oscillante tra Simbolismo e Realismo magico. Penso a maestri del passato quali sono Dosso Dossi e Piero di Cosimo per quanto riguarda il rapporto uomo – natura, nonché a celebri pittori moderni tra cui FussIi, Boecklin, Holder e ai meno noti Damby, Martin e Abildgaard per l’atmosfera irreale che essi evocano, ma penso anche, per Impaginazione formale, ad artisti contemporanei come VainerVaccari, Stefano Di Stasio e Massimo Livadiotti. In conclusione Pedrazzi non è pittore della vita moderna e nemmeno dell’evasione esotica, ma pittore della visione simbolica e fantastica che chiude decisamente verso ogni implicazione surrealista. Tutto il suo ultimo lavoro può essere descritto per mezzo di un aforisma mistico. “Le opere sono pure forme, alle quali la sincerità dell’intenzione dà misteriosamente l’anima”. lbn ‘Atà’Allàh (sufi vissuto in Egitto nel sec. XIII) Castello del Vescovo, Novembre 1995

 

Lorena Corradini

Dopo un minimalismo anodizzato e grigio, dopo un criptico e psicoanalitico concettuale, assistiamo sempre più spesso ad un ritorno alla pittura, a tecniche tradizionali nella volontà conservatrice, ma non reazionaria, di mantenere o ritrovare una essenzialità perduta che affonda le radici in tutta la nostra storia dell’arte. Il cinema, il fumetto, la fotografia, i video diventano soggetti e pretesti della pittura. Si torna al figurativo, ma non è un ritorno all’ordine è il recupero di una tecnica semplice che permette di comunicare in modo diretto e per farlo Massimo Pedrazzi imbandisce storie tra il moralistico ed il fantastico popolare di personaggi fuori dal tempo, molto vicine alle ascendenze tardogotiche dell’Europa del nord. L’artista modenese mostra di sapersi muovere a proprio agio nella complessa selva di simboli che costituivano l’alfabeto indispensabile per esprimere quei concetti culturali, filosofici e religiosi prodotti da quel particolare momento storico. Ma ciò che colpisce nelle sue opere è la folla formicolante, il numero elevato di volti di persone comuni, decine di occhi che guardano chi guarda, osservano e scrutano. Realtà soggettive che insieme diventano società, di massa solo in apparenza perché a ben guardare uno per uno, tutti mantengono una loro specificità psicologica che a volte riempie tutto lo spazio possibile.

Negli ultimi lavori Pedrazzi recupera, con maggiore scioltezza gestuale e cromatica, tematiche affrontate agli inizi della sua carriera artistica, si impossessa così di una pittura veloce, stesa con forza e sicurezza di segno e di gesto che delinea più che definire senza per questo perdere intensità.

Sono opere interessanti per il sarcasmo che sprigionano, quel sarcasmo che c’è nelle azioni quotidiane più banali e private che si possono svolgere nella stanza da bagno; Pedrazzi cerca nei personaggi lo stupore, l’atteggiamento e nei volti quell’ironia attraverso la quale si può raccontare la vita.

Il ritratto quindi come punto di partenza e di arrivo di un contatto intimo. Di una esperienza che va al di là del semplice incontro e della pura rappresentazione, che diventa indagine di un carattere, di una personalità. Una indagine senza concessioni adulatorie o compiacenti estetici che anzi, sottolinea di ogni volto quel che gli è più peculiare al limite dell’irriverenza; le rughe di espressione, le occhiaie, le macchie della pelle, la smorfia della bocca. E’ l’anima messa a nudo attraverso la nudità senza scampo del volto. In queste ultime opere, Dopo tanta indagine sulla figura, in primo piano o a figura intera, inserita in contesti paesaggistici l’artista si dedica alla pittura di interni. Ma sarebbe un errore vedere nella sua pittura una svolta radicale, un paesaggio senza ritorno da una dimensione emozionale ad una dimensione architettonica, le stanze per Pedrazzi non sono ambienti fisici, bensì spazi psicologici, anche questi sono ritratti.

Quella di Massimo Pedrazzi, dunque, si può considerare una pittura realista che utilizza modi espressionisti. Realista è anche l’uso della materia pittorica che non si limita ad illudere, ma che esiste nella sua fisicità. Il colore è però antinaturalistico. L’artista dipinge volti dai toni gialli o grigi riflessati e contornati da tonalità più cupe, è la disillusione e la lontananza, spietato e ottuso, per cercare, almeno nel quadro, di evitare la banalizzazione della vita.

 

PERSONALI: 1994 – Personale a Palazzo Ruini; Reggio Emilia – “24 Ore Sole” in Aura Aurea, Chiostri di S. Pietro (Re) – 1995/96 “Opere” Castello del Vescovo, arte del nostro tempo; Arceto (Re) – 1998 Galleria Annovi; Sassuolo (Mo) – “Arte in comune”; Concordia S/S (Mo) – 1999 “Folle”, Galleria dei sotterranei del Palazzo Ducale; Pavullo (Mo) – Galleria 2E; Suzzara (Mn) – 2000 “La Meravigliosa Creatura”, Museo civico; Abano Terme (Pd) – 2001 Associazione culturale El Are; Assisi (Pg) – 2004 Le Petit Louvre; Avignon (Francia) -2009/2010 “Lo spazio del silenzio”; Castello di Formigine (Mo) – 2010 “Metafore”; Guastalla (Re)

COLLETTIVE: 2003 “Corpus ad Aquas”, Palaturismo, Montegrotto Terme; (Pd) – “Ne ebbe compassione” Il Polittico arte contemporanea; Roma – 2004 “La Quotidiana Scoperta”, Il Polittico arte contemporanea; Roma – 2005 “Altre voci altre stanze” Catania, Centro congressuale fieristico Le Ciminiere – 2006 “Europa Aperta”, una storia di artisti, culture e linguaggi a confronto; mostra itinerante (Italia – Germania – Slovenia – Messico – Cuba – Spagna – Finlandia – Svezia – Russia – Bosnia Erzegovina); Provincia Autonoma di Trento – 2008 “Silenzi. Attese. Assenze”; Galleria Anphisbaena (Mo)- 2010 “Walk of art” Magazzini Criminali; Sassuolo (Mo) – 2011 “Londr’ARtExhibition” Art Caffe London; Londra – “Liberi Tutti 28 artisti in mostra” Magazzini Criminali; Viano (Re)

 

 

Continuando la navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informativa Cookie Estesa Utilizzo dei cookie Conformemente agli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base al provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014, recante “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” (di seguito, il “Provvedimento cookie“), Galleria 13 - arte moderna e contemporanea di Sara Cavagnari, società titolare del trattamento, con sede legale in Via Roma 34/b, Reggio Emilia, intende informare l’utente del sito www.galleria13.com (da ora Sito) di quanto segue: Cosa sono i cookie Un cookie è una piccolo file di testo, che viene inviato al browser dell’utente da un server web (il computer sul quale è in esecuzione il sito visitato) e che viene successivamente memorizzato nelle directory utilizzate dal browser (il programma usato per la navigazione ad es. Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.). Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti. Tipologie di cookie utilizzate da questo sito Il Sito utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Allo scopo vengono utilizzati cookie solo rendere più efficace la navigazione del sito web, per abilitare determinate funzionalità e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite. Non vengono utilizzati cookie profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione. Cookie del gestore del Sito Cookie tecnici Il Sito utilizza esclusivamente Cookie Tecnici di navigazione o sessione, finalizzati a rendere funzionale e ad ottimizzare la navigazione stessa per quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato. In assenza di tali cookie, il sito web non potrebbe funzionare correttamente. Cookie tecnico che agevola la navigazione del fruitore, riconoscendolo ed evitando che l’informativa breve sui cookie contenuta nel banner ricompaia nel caso di collegamenti al sito effettuati entro un predeterminato termine di scadenza. Esso si attiva cliccando “ok” sul banner. Come indicato dal Garante Privacy con i “Chiarimenti in merito all’attuazione della normativa in materia di cookie” del 5 Giugno 2015, i siti che utilizzano, per meri fini statistici, cookie analitici realizzati e messi a disposizione da terze parti non sono soggetti agli obblighi e agli adempimenti previsti dalla normativa (ad es. notificazione al Garante) qualora vengano adottati strumenti idonei a ridurre il potere identificativo dei cookie analitici che utilizzano e purché l’impiego di tali cookie sia subordinato a vincoli contrattuali tra siti e terze parti, nei quali si faccia espressamente richiamo all’impegno della terza parte o a utilizzarli esclusivamente per la fornitura del servizio, a conservarli separatamente e a non “arricchirli” o a non “incrociarli” con altre informazioni di cui esse dispongano. Conferimento dei dati Fatta eccezione per i cookie tecnici necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner. Diritti dell’interessato L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail all’indirizzo info@galleria13.com, i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente. Art. 7 D. Lgs. 196/2003 1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione: a) dell’origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3. L’interessato ha diritto di ottenere: a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Chiudi