Exhibition: Franco Chiarani – Suggestive monocromie

02 April >> 01 May, 2016
PASSATO

Franco Chiarani – Suggestive monocromie

Aperture: dal lunedì alla domenica, chiuso lunedì e domenica mattina

Orari: 10:00 – 13:00, 15:30 – 19:30

 

Si apre sabato 2 Aprile presso la Galleria 13 – arte moderna e contemporanea, la mostra di pittura di Franco Chiarani dal titolo “Suggestive monocromie”.

La mostra curata da Sara Cavagnari, con testi critici di Vittorio Spampinato, Direttore del Museo Cà la Ghironda di Bologna, e Giancarla Tognoni, aprirà al pubblico sabato 2 aprile alle ore 17:30 con aperitivo inaugurale e incontro con l’artista.

Saranno esposte una ventina di opere, tutte olio e tecnica mista su carta, intavolate o meno, che mostrano la personale visione dell’arte di Franco Chiarani, artista eclettico e raffinato, che da un vero amore per la carta e per l’arte nordica, ha saputo creare uno stile pittorico unico e vibrante, con chiari omaggi alla pittura italiana di metà ‘900 e ad alcuni grandi maestri come Schiele e Kokoschka.

Lo stesso Vittorio Sgarbi ha personalmente selezionato e scelto Franco Chiarani, inserendolo nella ristrettissima cerchia di artisti italiani che sono stati esposti a Expo Italia 2015.

Franco Chiarani è nato ad Arco di Trento nel 1946 e ad Arco ha vissuto la sua vita finora, portando avanti la sua ricerca artistica e arricchendo la sua esperienza di viaggi, incontri e frequentazioni molto ampie, sia nazionali che internazionali. È impossibile elencare le numerose mostre collettive a cui ha preso parte in Italia e all’estero e gli svariati riconoscimenti, premi e vittorie in concorsi e contesti sia nazionali che internazionali, cui si aggiungono anche partecipazioni a fiere d’arte specializzate, di livello europeo.

Chiarani ha lavorato una vita intera in una cartiera quindi la carta non ha segreti per lui. Sperimenta su carte speciali, importate dal nord Europa, o carte da parati che danno effetti materici molto particolari, a volte è la carta stessa che emerge dalla macchia di colore, come fosse essa stessa protagonista del quadro.

Prima ancora di iniziare a dipingere un passaggio fondamentale è il trattamento della carta per rendere quest’ultima e la materia pittorica un corpo unico, un tutt’uno. Spesso lascia per ore le carte immerse nell’acqua affinché il pigmento possa penetrare meglio nelle fibre; proprio per agevolare questa operazione l’artista ha fatto installare una vasca da bagno nel suo studio.

 

 

Giancarla Tognoni

Futuro incerto

Franco Chiarani dipinge da quando era ragazzo, e fin da bambino ha guardato, ammirato, osservato pittori e pitture, con attenzione e desiderio. Il desiderio di esprimersi attraverso l’immagine dipinta lo ha portato a cimentarsi, completamente autodidatta, con disegni e colori; una continua, incessante sperimentazione alla ricerca del modo migliore per comunicare con il resto del mondo attraverso la forma che lui ama di più. Non è stato facile giungere al risultato odierno, ma Chiarani è un lavoratore instancabile: cerca, dipinge, crea i suoi colori, dipinge, osserva, dipinge. È il suo modo di comunicare, è il suo modo di trasmettere emozioni, di commentare il mondo, di affrontare la vita. Nel corso della sua esperienza ha catturato dei codici pittorici originalissimi e raffinati, che richiamano innumerevoli suggestioni – i suoi maestri virtuali, i suoi incontri, le sue letture – ma le propongono riviste, rielaborate e trasformate in modo assolutamente personale e irripetibile. Nonostante l’estremo lavorio, la ricercatezza dei segni, la selezione intransigente dei colori per la sua tavolozza, ormai quasi monocromatica, Chiarani riesce comunque a trasmettere emozione con una forza incredibile, a volte violenta. L’immediatezza dei suoi disegni è sorprendente, perché frutto di un lavoro attento e appassionato non tanto per garantirne la resa, quanto per eliminare quegli ostacoli che potrebbero limitarne la forza. Ed ogni aspetto o particolare della materia che lui lavora, acquista significato e regala significato alle sue opere: la sinuosità delle linee che estraggono soggetti dai tratti di matita e dalle sfumature penetrate nel foglio, la profondità che proviene dalla stratificazione di pigmenti e dalla sovrapposizione di carte e tele. Soprattutto nell’uso della carta emergono la sua sapienza e il genio pittorico con maggiore incisività. Franco Chiarani ama la carta e ne è riamato, senza dubbio. I suoi risultati sono di assoluto rilievo ed interesse anche nei lavori eseguiti su tavole o su tele: eguale la cura che lui mette nel suo lavoro, la precisione della tecnica. Eppure i suoi lavori su carta sono i migliori che lui produce, ineguagliabili per la bellezza dell’immagine, per la forza espressiva e per la maestria dell’esecuzione. Forse per il suo lungo dedicarsi alla fabbricazione delle carte (per anni è stata la sua professione) o per un affinità ancora precedente e che lo ha portato a passare una vita in mezzo a questa materia, la carta non è per lui semplicemente un supporto: diviene una parte fondamentale della composizione del quadro. Chiarani la lavora a lungo, in modo diversificato e attento, frutto di lunga esperienza e di grande capacità, e la trasforma, la rende permeabile ai colori, ne modifica lo spessore, la lucidità, ne diversifica e separa i vari strati. L’effetto di questo attento lavoro sulla carta diventa lo strumento per sostenere la drammaticità delle opere, amplificato dalla decisione di limitare sempre di più l’uso del colore, in un percorso di progressiva astrazione e semplificazione degli sfondi dipinti. Nelle opere (tutte su carta – libera, intavolata o intelata) si stagliano figure inserite in paesaggi urbani o naturali, a volte interni e, specie nelle opere più recenti, contornate da una ambientazione monocromatica, così incisiva da sovrastare e quasi opprimere le raffigurazioni umane. In alcune opere si trovano evidenti richiami al paesaggio che il pittore vive nel quotidiano; il profilo familiare dei monti della sua valle o i profili del castello e delle vie della sua città diventano il luogo di riferimento, così come i lineamenti delle persone ricordano gli effetti familiari e in alcuni casi una certa rappresentazione autobiografica. In altri il paesaggio si dilata in pianure o nebbie rarefatte, che non sono più un riferimento geografico, ma piuttosto una metafora, un’astrazione che trasforma gli elementi della natura in maniera simbolica. Franco Chiarani è pittore schivo, ma non introverso: ama comunicare, anche di se, ma non ama imporre il proprio sentire, il proprio punto di vista. È generoso, ma non invadente. Misurato in ogni sua espressione e sincero, nelle sue opere pone la stessa sincerità, trasferendo sulle carte il suo sentire, i suoi desideri, le sue passioni: in modo diretto oppure contenuto, poco appariscente, con grande lavoro e fatica – la stessa, forse, che fa per aprirsi agli altri. In tutte le opere si trovano sempre figure, a volte più evidenti, a volte solo tratteggiate nel paesaggio o negli interni rarefatti ed essenziali, individuati dallo spigolo di un muro, dalla sagoma appena tracciata di una porta. Non ci sono figure inserite in un ambiente, ma figure che nascono dal paesaggio, dal mondo circostante: le persone escono da linee che le accomunano a stipiti o curve dell’orizzonte, alle strade che percorrono, agli edifici che abitano, dai colori che sostituiscono le forme del mondo circostante, annientando la vista del mondo naturale e schiacciando con forza sovrumana le persone che vi sono inserite. L’ambiente e le persone sono un tutt’uno, compenetrate e unite in una totalità inscindibile. Non c’è un soggetto con un contorno ma tutto è un insieme misurato ed in assoluto equilibrio, di una drammatica perfezione. E proprio il senso drammatico delle opere diviene più palese: le figure si stagliano fra le linee come ergendosi in attesa ed esplode lo sgomento di fronte al mondo con una sensazione acuta di sospensione, dove si percepiscono allo stesso tempo la fragilità e il coraggio, la forza di accettare anche la propria disperazione. Nell’osservare queste figure delineate contro l’orizzonte, con lo sguardo rivolto sempre oltre, si intende chiaramente il loro aspettare a volte con timore, a volte con rassegnazione, a volte con rabbia, il futuro che incombe, incerto.

 

Comments are closed.

Continuando la navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informativa Cookie Estesa Utilizzo dei cookie Conformemente agli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base al provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014, recante “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” (di seguito, il “Provvedimento cookie“), Galleria 13 - arte moderna e contemporanea di Sara Cavagnari, società titolare del trattamento, con sede legale in Via Roma 34/b, Reggio Emilia, intende informare l’utente del sito www.galleria13.com (da ora Sito) di quanto segue: Cosa sono i cookie Un cookie è una piccolo file di testo, che viene inviato al browser dell’utente da un server web (il computer sul quale è in esecuzione il sito visitato) e che viene successivamente memorizzato nelle directory utilizzate dal browser (il programma usato per la navigazione ad es. Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.). Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti. Tipologie di cookie utilizzate da questo sito Il Sito utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Allo scopo vengono utilizzati cookie solo rendere più efficace la navigazione del sito web, per abilitare determinate funzionalità e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite. Non vengono utilizzati cookie profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione. Cookie del gestore del Sito Cookie tecnici Il Sito utilizza esclusivamente Cookie Tecnici di navigazione o sessione, finalizzati a rendere funzionale e ad ottimizzare la navigazione stessa per quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato. In assenza di tali cookie, il sito web non potrebbe funzionare correttamente. Cookie tecnico che agevola la navigazione del fruitore, riconoscendolo ed evitando che l’informativa breve sui cookie contenuta nel banner ricompaia nel caso di collegamenti al sito effettuati entro un predeterminato termine di scadenza. Esso si attiva cliccando “ok” sul banner. Come indicato dal Garante Privacy con i “Chiarimenti in merito all’attuazione della normativa in materia di cookie” del 5 Giugno 2015, i siti che utilizzano, per meri fini statistici, cookie analitici realizzati e messi a disposizione da terze parti non sono soggetti agli obblighi e agli adempimenti previsti dalla normativa (ad es. notificazione al Garante) qualora vengano adottati strumenti idonei a ridurre il potere identificativo dei cookie analitici che utilizzano e purché l’impiego di tali cookie sia subordinato a vincoli contrattuali tra siti e terze parti, nei quali si faccia espressamente richiamo all’impegno della terza parte o a utilizzarli esclusivamente per la fornitura del servizio, a conservarli separatamente e a non “arricchirli” o a non “incrociarli” con altre informazioni di cui esse dispongano. Conferimento dei dati Fatta eccezione per i cookie tecnici necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner. Diritti dell’interessato L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail all’indirizzo info@galleria13.com, i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente. Art. 7 D. Lgs. 196/2003 1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione: a) dell’origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3. L’interessato ha diritto di ottenere: a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Chiudi