Antonio Ligabue - Fotografo

Antonio Ligabue

Antonio Ligabue nacque il 18 dicembre 1899 in Svizzera nell’Ospedale delle donne di Zurigo dove venne registrato col cognome della madre Elisabetta Costa e successivamente riconosciuto dal compagno della madre Bonfiglio Laccabue, nativo del Comune di Gualtieri (Reggio Emilia). All’età di quattordici anni la madre e tre dei suoi fratelli morirono per un’intossicazione alimentare; convinto che il responsabile della morte fosse il padre, decise di cambiare il proprio cognome in Ligabue e successivamente venne dato in adozione a una coppia di anziani svizzeri senza figli che si occuparono del piccolo Antonio senza mai legittimarlo. Purtroppo anche nella nuova famiglia adottiva dovette vivere in ristrettezze economiche e questo gli causò fin dall’infanzia un blocco dello sviluppo fisico, il risultato fu quell’aspetto sgraziato e rachitico che conosciamo attraverso le sue fotografie da adulto. Quella di Ligabue è una vicenda umana segnata da disgrazie, sradicamenti, solitudine, fame e miseria; egli rimase sempre legato alla figura della matrigna vivendo un rapporto di “amore-odio” che lo accompagnò per tutta la vita: un sentimento eccessivo e morboso, che lo portò a un’introversa e totale solitudine oltre a manifestazioni di violenza, aggressività e ribellione nei confronti del mondo circostante. Carente nell’ortografia e insufficiente nella matematica aveva un costante bisogno di disegnare e questa passione lo spinse a frequentare i musei di San Gallo e in particolare il Kunstmuseum, che raccoglie opere pittoriche e scultoree del XIX e XX secolo. L’episodio più drammatico della sua vita in Svizzera, l’emblema della sua perenne separazione dagli altri, avvenne nel 1919, quando fu espulso dalla Confederazione Elvetica su denuncia della madre adottiva che si era recata al Municipio di Romanshorn per lamentarsi della sua condotta sperando in un semplice richiamo, senza rendersi conto delle conseguenze che il suo gesto avrebbe prodotto: Antonio Ligabue venne condotto da Zurigo a Chiasso e quindi scortato dai carabinieri fino a Gualtieri, comune d’origine di Bonfiglio Laccabue che l’aveva legittimato. Il Municipio di Gualtieri gli assegnò un letto al Ricovero di mendicità Carri, una modesta sovvenzione in denaro e la possibilità di lavorare come “scarriolante” per la costruzione degli argini del Po o presso qualche contadino della zona. Ligabue si esprimeva solo in svizzero-tedesco, e venne catapultato nel piccolo centro agricolo della Bassa reggiana, sulla riva del Po, lui che di italiano non aveva altro che il nome, si trovò ad essere “straniero in terra straniera”, soffrendo di perenne nostalgia per la sua terra. Tentò più volte di rientrare clandestinamente in Svizzera ma fu sempre ricondotto a Gualtieri e dovette rassegnarsi a vivere con un sussidio del Comune, di quello che gli invia la matrigna svizzera e della carità dei compaesani. Il ricordo dei luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza restarono in lui indelebili, come documentano tanti dipinti. Nel gelido inverno del 1928-1929 Ligabue viveva come un selvaggio nei boschi e nelle golene del Po; proprio sulle rive del fiume Marino Mazzacurati lo sorprese mentre manipolava una grande testa di tigre masticando la terra e la sabbia con la saliva emettendo ruggiti probabilmente come atto di empatia con l’animale che stava modellando, fu così che l’artista, noto come uno dei fondatori della Scuola Romana, lo prese in custodia portandolo nel suo studio di Gualtieri per insegnargli l’uso dei colori a olio. Alternando case di amici ospitali, stalle e baracche sul Po e il Ricovero di mendicità Carri, Ligabue riuscì a vivere solo della sua arte, realizzando sculture di terracotta rappresentanti prevalentemente animali, conosciute come “Il bestiario di Ligabue”, successivamente fuse in bronzo grazie al gallerista Ennio Lodi (fondatore della Galleria Centro Steccata di Parma) che seppe riconoscerne la genialità. Della scultura Ligabue non aveva alcuna nozione tecnica, né mai si preoccupò di averne, ma attingendo dal ricco repertorio della sua memoria l’artista creò soggetti d’impressionante verità e al tempo stesso di fulminante fantasia; una memoria che guidò le sue mani sulla creta con incalzante suggestione, ma non si trattò soltanto di memoria, Ligabue vinse il naturalismo grazie alla sua incredibile conoscenza degli animali col fervore di un’emotività accesa dalle scene che gli si presentavano vivissime davanti agli occhi e dai fantasmi che gli erompevano dalla mente. Nell’immediato dopoguerra la stampa e la critica cominciarono a interessarsi alle sue opere e l’artista si dedicò sia alla pittura che alla scultura – esperienza che abbandonerà alla fine degli anni cinquanta – per riservare tutto il suo impegno alla realizzazione di dipinti, anche di grandi dimensioni, nei quali si riflette apertamente la sua idea della vita come perenne battaglia, lotta senza tregua, nella quale s’aprono talvolta finestre di idillio e di serenità. A partire dagli anni Cinquanta, Ligabue si dedicò anche all’acquaforte e alla puntasecca incidendo in totale più di ottanta lastre. Nel settembre 1955, nel corso della Fiera Millenaria di Gonzaga (Mantova), venne allestita la prima mostra personale di Antonio Ligabue e l’anno successivo partecipò al Premio Suzzara. Nel febbraio 1961 tenne un’importante esposizione personale alla Galleria “La Barcaccia” di Roma, che ne segnò in un qualche modo la definitiva consacrazione, dopo un’intensa attività artistica, spesso oscura se non incompresa e derisa, che comunque aveva nel tempo attirato scrittori, giornalisti e qualche attento critico, Ligabue riuscì finalmente a uscire dalla povertà e dalle ristrettezze economiche in cui aveva vissuto per tutta la vita. Nel novembre 1962 Guastalla gli dedicò la prima mostra antologica ma dopo poco fu colpito nella parte destra del corpo da emiparesi e dopo vari ricoveri all’Ospedale di Guastalla e alla Clinica neurologica Villa Marchi di Reggio Emilia, venne definitivamente ricoverato al Mendicicomio Carri di Gualtieri, a spese del Municipio. All’imbrunire del 27 maggio 1965 la triste vita di Antonio Ligabue si concluse e l’amico Andrea Mozzali realizzò la sua maschera funebre che dopo il funerale venne deposta sulla tomba dell’artista nel cimitero di Gualtieri. Hanno scritto di lui e per lui: Ugo Sassi, Cesare Zavattini, Marino Mazzacurati, Mario De Micheli, Marzio Dall’Acqua, Raffaele De Grada, Giorgio Ruggeri, Sergio Negri, Ugo Sassi, Franco Solmi, Giancarlo Vigorelli, Marilena Pasquali, Renato Barilli, Giorgio Mascherpa, Vittorio Sgarbi, K. Kavelin Jones, Luigi Cavallo, Sandro Parmiggiani.

Continuando la navigazione su questo sito acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informativa Cookie Estesa Utilizzo dei cookie Conformemente agli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base al provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014, recante “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” (di seguito, il “Provvedimento cookie“), Galleria 13 - arte moderna e contemporanea di Sara Cavagnari, società titolare del trattamento, con sede legale in Via Roma 34/b, Reggio Emilia, intende informare l’utente del sito www.galleria13.com (da ora Sito) di quanto segue: Cosa sono i cookie Un cookie è una piccolo file di testo, che viene inviato al browser dell’utente da un server web (il computer sul quale è in esecuzione il sito visitato) e che viene successivamente memorizzato nelle directory utilizzate dal browser (il programma usato per la navigazione ad es. Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.). Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (c.d. cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti. Tipologie di cookie utilizzate da questo sito Il Sito utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Allo scopo vengono utilizzati cookie solo rendere più efficace la navigazione del sito web, per abilitare determinate funzionalità e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sulle visite. Non vengono utilizzati cookie profilanti, e ciò anche con riferimento all’installazione, attraverso il sito, di cookie di terze parti che potrebbero da queste essere utilizzati, in modo del tutto autonomo, per loro fini di profilazione. Cookie del gestore del Sito Cookie tecnici Il Sito utilizza esclusivamente Cookie Tecnici di navigazione o sessione, finalizzati a rendere funzionale e ad ottimizzare la navigazione stessa per quali, ai sensi dell’art. 122 del codice privacy e del Provvedimento del Garante dell’8 maggio 2014, non è richiesto alcun consenso da parte dell’interessato. In assenza di tali cookie, il sito web non potrebbe funzionare correttamente. Cookie tecnico che agevola la navigazione del fruitore, riconoscendolo ed evitando che l’informativa breve sui cookie contenuta nel banner ricompaia nel caso di collegamenti al sito effettuati entro un predeterminato termine di scadenza. Esso si attiva cliccando “ok” sul banner. Come indicato dal Garante Privacy con i “Chiarimenti in merito all’attuazione della normativa in materia di cookie” del 5 Giugno 2015, i siti che utilizzano, per meri fini statistici, cookie analitici realizzati e messi a disposizione da terze parti non sono soggetti agli obblighi e agli adempimenti previsti dalla normativa (ad es. notificazione al Garante) qualora vengano adottati strumenti idonei a ridurre il potere identificativo dei cookie analitici che utilizzano e purché l’impiego di tali cookie sia subordinato a vincoli contrattuali tra siti e terze parti, nei quali si faccia espressamente richiamo all’impegno della terza parte o a utilizzarli esclusivamente per la fornitura del servizio, a conservarli separatamente e a non “arricchirli” o a non “incrociarli” con altre informazioni di cui esse dispongano. Conferimento dei dati Fatta eccezione per i cookie tecnici necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner. Diritti dell’interessato L’interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l’invio di una mail all’indirizzo info@galleria13.com, i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente. Art. 7 D. Lgs. 196/2003 1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione: a) dell’origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3. L’interessato ha diritto di ottenere: a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Chiudi