Comunicato Stampa

Incontro con Michael Kenna

Via Roma 34/b, Reggio Emilia

Domenica 1 Maggio ore 11:30

 

Domenica 1 maggio alle ore 11:30 si terrà la conferenza stampa di presentazione della mostra “Paesaggi d’Emilia” in concomitanza del festival di Fotografia Europea 2016.

La mostra sarà aperta gratuitamente al pubblico dal 6 maggio al 28 giugno.

Sarà presente all’evento il fotografo Michael Kenna, l’Assessore alla Cultura dell’Emilia Romagna Massimo Mezzetti, il Presidente della Provincia Giammaria Manghi e il Sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi.

La scelta del 1 maggio è d’obbligo in quanto Michael Kenna sarà presente a Reggio Emilia nell’unica giornata del primo maggio e ripartirà per gli Stati Uniti il giorno successivo.

Questa conferenza stampa sarà inoltre un’occasione per presentare il suo ultimo progetto in via di pubblicazione: negli ultimi mesi Michael Kenna ha visitato più di una volta la nostra città e provincia per scattare fotografie ai confessionali delle chiese sparse su tutto il territorio, muovendosi in lungo e in largo, andando a ricercare anche la più sperduta chiesa di montagna. Queste fotografie saranno raccolte in un unico volume dedicato ai Confessionali e si tradurrà in una mostra che farà il giro del mondo.

Michael Kenna nel suo viaggiare per il mondo alla ricerca di scenari in cui catturare le sue atmosfere di sogno, ha sempre avuto un occhio di riguardo per la nostra città e provincia. Reggio Emilia in particolare è per lui una vecchia amica, che lo accoglie sempre a braccia aperte   e di cui subisce tutto il fascino segreto.

Ma l’attrazione maggiore gli viene soprattutto dalle nebbie che si alzano all’improvviso, dai filari di alberi da frutto o dai bianchi tronchi di betulle ed abeti, dalle nevicate che ammantano ogni cosa ai nostri castelli arroccati e talvolta in rovina, dalle chiese sparse per le nostre montagne dove per mesi Kenna è andato alla ricerca di antichi confessionali, ai nostri giardini pubblici dove di notte tra la nebbia leggera i lampioni si trasformano in bianchi fuochi fatui.

Sono questi i soggetti che andremo a ritrovare nell’esposizione che la Galleria 13 organizzerà in concomitanza di Fotografia Europea. Una ventina di scatti raffiguranti i luoghi della nostra quotidianità rivisti in modo inedito, attraverso lo sguardo di un grande fotografo che, attraverso il suo personale sentire, riesce ad immortalare l’anima del mondo.

La cosa che più impressiona nell’indagare il suo vastissimo lavoro di fotografo paesaggista è la straordinaria unitarietà del clima luminoso delle sue fotografie.

Che lui fotografi ad Abu Dhabi, in California, o in Egitto, come in Emilia, le immagini che ne riporta sono tutte illuminate da una luce fisica e da un sentimento costanti, che il fotografo sembra portarsi dietro assieme alla valigia delle macchine fotografiche, e attraverso i quali soltanto gli interessa guardare il mondo. Quello che è assolutamente inconfondibile nelle fotografie di Kenna è la materia, la luce, il clima psicologico. Clima psicologico inconfondibilmente legato alla pittura di paesaggio e alla grafica nordeuropea di fine Ottocento. Atmosfere brumose, incerte, malinconiche, mai solari, anche in luoghi, paesi e soggetti, che normalmente si bagnano di luci accecanti e micidiali. Tutto questo accompagnato da una struttura formale impeccabile, sapiente, raffinata, ormai padroneggiata alla perfezione.

Breve biografia

Michael Kenna nasce a Widnes, Lancashire (Inghilterra) nel 1953. Dopo avere a lungo sognato di dedicarsi alla pittura, studia fotografia al London College of Printing.

Alla fine degli anni Settanta, Michael si trasferisce negli Stati Uniti, e va a vivere a San Francisco – in seguito, abiterà prima a Portland e poi a Seattle, dove attualmente risiede.

A San Francisco incontra Ruth Bernhard (1905-2006), sensibile fotografa di nudi e di nature morte, della quale diventa assistente, aiutandola nella stampa delle sue immagini e maturando una grande esperienza in camera oscura, che nitidamente si rivelerà nel tempo in tutto il lavoro di Kenna.

Pressoché dagli esordi, Michael sceglie il paesaggio come tema elettivo delle sue fotografie, avviando una infaticabile ricognizione sugli infiniti volti segreti del pianeta, e arrivandone a toccare tutti i continenti.

Michael Kenna è uno dei fotografi più internazionali del nostro tempo; conosciuto a livello mondiale, è rappresentato dalle più importanti gallerie d’arte del mondo. La sua internazionalità la ritroviamo, non solo nell’apprezzamento globale da parte di pubblico e di critica dei suoi lavori, ma anche nei soggetti scelti, scorci presi da ogni angolo del mondo. Kenna infatti non si limita a rappresentare i paesaggi inglesi dove è cresciuto, ma è preso dall’insopprimibile voglia di viaggiare, di visitare Paesi lontani, restando costantemente affascinato dalla scoperta di nuovi scenari di cui cerca di catturare l’atmosfera, imprimendola sulla pellicola.

Sono paesaggi fuori dal tempo, presi all’alba o al crepuscolo dove la luce si dissolve in atmosfere patinate, dove la figura dell’uomo scompare e noi diventiamo osservatori privilegiati degli scenari che Kenna ha saputo catturare.

 

 

Aperture al pubblico:

6/7/8 maggio dalle ore 10:00 alle 13:00, dalle 16:00 alle 23:00

Dal 9 maggio al 28 giugno dalle ore 10:00 alle 13:00, dalle ore 16:00 alle 19:30

Chiuso domenica e lunedì mattina

Info: www.galleria13.com